(IN) Netweek

MILANO

Tasse, più trasparenza sulle multinazionali In collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea

Share

Giro di vite sulle tasse che le multinazionali pagano in Europa. Dal primo gennaio 2017 sono scattate le nuove norme europee che prevedono lo scambio automatico tra Paesi Ue di informazioni sui nuovi accordi fiscali con le multinazionali. Tale scambio sarà realizzato tramite un repertorio centrale, accessibile a tutti i paesi dell’Unione.

Con le nuove misure, la Commissione europea intende impedire un nuovo caso Apple rendendo più equa e trasparente l’imposta sulle società e ostacolando gli abusi fiscali. Lo scambio automatico di informazioni sugli accordi fiscali transfrontalieri fornirà alle amministrazioni fiscali nazionali le informazioni necessarie per individuare pratiche abusive e adottare contromisure.

In base alle nuove regole, ogni sei mesi le autorità fiscali nazionali invieranno alla Commissione europea una relazione in cui saranno elencati tutti gli accordi fiscali transfrontalieri da esse emanati. Gli altri Stati membri potranno così verificare gli elenchi e chiedere allo Stato membro di emanazione informazioni più dettagliate su un accordo in particolare. Il primo scambio dovrebbe aver luogo entro il 1º settembre 2017.

Se le nuove regole di trasparenza si applicano ai nuovi accordi con le multinazionali, è anche previsto che entro il 1º gennaio 2018 gli Stati membri dovranno anche fornire le stesse informazioni per tutti gli accordi transfrontalieri emanati sin dal 2012.

Leggi tutte le notizie su "Giornale di Erba"
Edizione digitale

Autore:gmc

Pubblicato il: 14 Gennaio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.