(IN) Netweek

MILANO

Oltre 250.000 euro per le scuole La Spesa che fa Bene 2016 premia elementari e medie

Share

Quasi 400.000 sono stati i tagliandi dell’iniziativa “La Spesa che fa Bene 2016 - Iperal per la Scuola”, raccolti dai tanti clienti che hanno così deciso di premiare la partecipazione di oltre 200 scuole pubbliche e paritarie, primarie e secondarie di primo grado della Lombardia.

Il meccanismo del concorso era molto semplice: effettuando una spesa dal 20 ottobre al 16 novembre 2016, ogni cliente ha ricevuto un “bollino” da consegnare alla propria scuola di riferimento. Le scuole, dopo essersi candidate sul sito di Iperal, hanno iniziato la raccolta dei bollini in una vera e propria gara sostenuta dal supporto di decine di migliaia di clienti: oltre il 40% dei clienti del periodo, infatti, ha partecipato attivamente, depositando i propri bollini nelle urne dedicate. Più bollini ricevuti, più in alto in classifica, maggiore il premio in denaro da spendere in attrezzature con le quali arricchire la didattica: computer, tablet, stampanti, proiettori e tanto altro.

E finalmente il conteggio è terminato, la classifica è pronta: alla scuola secondaria di primo grado Damiani di Morbegno (So), forte degli oltre 10.000 bollini raccolti, vanno i 10.000 euro del primo premio, mentre alla scuola primaria di Colico (Lc) i 7.000 del secondo premio, con un distacco di poche centinaia di bollini a dividere i due istituti. Al terzo posto la scuola secondaria di primo grado Ungaretti di Darfo Boario Terme (Bs), alla quale saranno assegnati 5.000 euro. E poi tanti altri premi maggiori per Samolaco, Artogne, Dongo, Delebio, Sondalo, Civate... fino all’ultimo degli istituti in classifica: tutti e 207 infatti beneficeranno almeno di un premio di “consolazione” di 1.000 euro, per un montepremi complessivo di oltre 250.000. A livello territoriale, ecco le province coinvolte: Sondrio ha raccolto circa 95mila euro per 76 scuole; Lecco 51mila euro per 42 scuole; Bergamo 30mila euro per 26 istituti; Brescia 29mila euro per 20 scuole; Como 25mila euro per 22 scuole; Monza e Brianza 20mila euro per 18 scuole e Varese 3.000 euro per 3 istituti.

«Iperal è da sempre attenta alle esigenze dei territori in cui opera, e quest’anno la nostra storica iniziativa “La Spesa che fa Bene” ha voluto dedicare un’attenzione particolare al mondo della scuola - ha commentato il presidente del gruppo valtellinese Antonio Tirelli - Sono molto felice per la grandissima partecipazione dei tanti clienti, che ci hanno fatto capire con le loro preferenze dove indirizzare il nostro supporto».

La classifica completa è a disposizione sul sito www.iperal.it, dove le scuole premiate potranno richiedere sin da subito i premi per la didattica dei propri alunni.

Leggi tutte le notizie su "Giornale di Erba"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 14 Gennaio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.